Alimentari Cult. non è solo un luogo virtuale in cui ascoltare in streaming i podcast che nascono dalla programmazione culturale di Spazio Gerra, ma un vero e proprio spazio fisico situato al secondo piano della struttura, uno studio interamente dedicato alla produzione di contenuti audio per il web, nodo di contatto e scambio di idee, che dialoga con le esposizioni in corso e si offre come risorsa culturale gratuita e aperta.

LEGGI LA FANZINE ︎


NODES
︎ Email
︎ Spazio Gerra
︎︎︎ Spreaker
︎ Instagram
︎ Facebook
GIARDINIERA < mese di Luglio-Agosto






La Giardiniera


mese di Luglio-Agosto

Dopo la musica da ascoltare al davanzale del mese di giugno, dal sitoalimentaricult. it è ora disponibile in streaming un progetto sonoro ispirato e dedicato al tema “aiuola” registrato in presa diretta durante un’intera giornata. La sessione musicale durata circa otto ore è stata curata da un team composto da quattro soggetti: AT soundmedium, Vincent Manfuoco, Dunes, Alimentari sound.

Il lavoro è stato realizzato nel parco di una villa cittadina con un potente impianto audio autocostruito, lasciando che il suono si diffondesse viaggiando sull’erba e infilandosi fra i cespugli e i rami degli alberi. Alla registrazione digitale dei diversi set si sovrappongono spezzoni di registrazioni ambientali eseguiti con un microfono portatile in diversi angoli del parco. Queste registrazioni riportano in modo più eloquente la dimensione sonora e ambientale di una giornata cominciata alle 10.00 e terminata alle 19.00, ore trascorse godendo di una libertà che no a qualche giorno prima era limitata a causa del lockdown. Tutto questo - la ricerca musicale, il tema, le registrazioni ambientali sovrapposte alla musica, la possibilità di stare a piedi nudi nell’erba - hanno reso questa Giardiniera un’esperienza non replicabile.

Il soggetto Aiuola ha trasportato le sonorità verso dimensioni meditative, a tratti Zen, fornendo una chiave di lettura del tema sostanzialmenteintima: un angolo di terra da curare e preservare, nutrendo cosi anche il proprio equilibrio. La selezione musicale pesca in gran parte nel repertorio europeo, con un’attenzione particolare alle sperimentazioni tedesche, spostandosi anche verso l’oriente.